Salvatore Linguanti

Salvatore Linguanti

Poesie

 

Solo tu

Tu, solo tu
sai farmi galleggiare
come barca in mezzo al mare

Tu, solo tu
sai farmi appassionare
come un gelato da leccare

Tu, solo tu
sai farmi emozionare
come un esame da superare

Tu, solo tu
sai farmi incavolare
come un broccolo da lessare

Tu, solo tu
come contorno
e niente più

 

....................

 

La fame

Il mattino ha l'oro in bocca
ma io ho solo una gran fame
di casereccio e di salame

Sofferente nel concreto
penso e osservo dentro il piatto
e per la fame divento matto
Non è colmo ed è pulito
e si lucida col dito

Sogno sempre da precario
di poter mangiare un pollo
ma di fame son satollo

Ogni istante penso al peggio
alla fame ch'è un dileggio
per quest'uomo del duemila
che non ha neanche la pila

Ora il vento mi abbandona
e con lui i venticelli
m'abbandonan pure quelli

Non ho più la tramontana
e neanche trovo una puttana
che almeno solo per affetto
voglia coccolarmi sul suo petto

E il dolore è una spirale
il cui culmine è un carnevale
che mi fa star proprio male

Si ripete ogni mattina
quando sto sulla latrina
a partorir banane oscure
veri mostri di stranezza
frutto pur di stitichezza.

 

Continua a leggere