Eugenia Toschi

Eugenia Toschi

Poesie

 

...serva...!

Eccomi davvero in mezzo alla mia età
rivestita della stessa stagione
formato albero in gabbia.

Un brusco rimprovero
d'un futile evento
tramutò in tragedia un giorno infantile.
Momentanea meraviglia.
Giovane madre, con una forma in grembo
e la fede al dito
serva son all'infinito.

Identico paesaggio
sono 
lo Stato
il Partito
la Religione.

Tutti toccano il bottone
per correre al servizio.
Sembra un onore a me dovuto
ma son solo
serva.

Ripensando con impeto di rabbia e dolore
tutte queste scorie condite con fiele
emanano odore pestilenziale
mi fanno piombar dal tetto
prima che diventi vecchia raggrinzita.

MA...

La fatica fiorisce
nata dalla disperazione
rivestita 
di una nuova stagione
in me cresce.

Tappeto verde al mio passare
serva
si
ma solo 
di me stessa.

 

....................

 

@Riccardo

Bello come il sole
dolcezza racchiusa in un sorriso
dagl'occhi verdi
spensieratezza dal cuore innocente
con virtù di vita vissuta.

Gioia, che sprizza bollicine di vigore
che contagia, come la febbre gialla
in brividi e fervori
d'essenza, di prato fiorito
alla menta
nel mese di settembre.

Marea di vitalità
contagia chi sta accanto
al "libro" della tua vita
spumeggiante
come onda del mare.

Opera d'arte
e artista
la forgiatura celeste
ringrazia
sei quì
granello di sabbia
alito di vento
nel tempo
che
contiene passato
presente e futuro.

Sarò nel tuo cuor di "leone" ?
Tu
nell'abbraccio di una vita.

 

....................

 

 

Una STELLA

Sul tuo viso adorabile

s'indugia la tristezza

con una lacrima
stella multicolore.

 

Su di Te il destino concentra il suo rigore
ombra dei tuoi timidi passi
con ignoti trasporti di pensieri
volanti e confusi
come un cavallo al galoppo su una strada deserta.

 

Possa la fresca rugiada mattutina
dissipare le amarezze

e colmare il cuore di sogni sboccianti

d'ebbrezza sublime.

 

Rendere il tuo avvenire un tappeto magico

acquerello di stelle cadenti

nella notte di

San Lorenzo.

 

....................

 

 

Prima della notte

Prima della notte

un pensiero
prima di cadere nell'ombra delle angoscie
ai confini del desiderio.
Se mi tornassi questa sera accanto
lungo la via
dove scende l'ombra azzurra
che già sembra primavera
per dirti quanto è buio il mondo senza te
come i nostri sogni sono difficili da soffocare.
Gl'occhi neri neri accendono i ricordi e mi sorridono.

 

Mi basterebbe sapere che vivo nel tuo cuore
se, la mia voce volteggia al ritmo di danza
come una bella melodia.

 

Continua a leggere